ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO

ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO

Adottare uno stile di vita sostenibile ed ecologico è possibile, non solo, sembra ormai l’unica opzione alla disfatta totale. Era una direzione a cui già in tempi meno sospetti il mondo iniziava a guardare.  La paladina della difesa ambientale Greta Thunberg era solo la punta dell’iceberg. Dopo di lei la pandemia globale che ci ha colpiti non ha fatto altro che far emergere tutte quelle… chiamiamole gentilmente, “cattive abitudini” che erano ormai parte integrante della nostra vita. Ci siamo ritrovati chiusi in casa e in questa reclusione forzata ci siamo improvvisati fornai, parrucchieri e quant’altro, riscoprendoci capaci di guardarci attorno e sfruttare al meglio ogni oggetto presente in casa. 

Magicamente ogni oggetto acquistava una nuova vita e senza neanche accorgerci ci siamo ritrovati a riciclare o al meglio a ricercare oggetti riutilizzabili più volte nel tempo.

Mi riferisco sopratutto alla categoria delle mamme le quali hanno saputo far rivivere e riutilizzare oggetti apparentemente inutili. Ciò che prima veniva gettato direttamente nel cestino dei rifiuti oggi viene prima esaminato dall’occhio attento della mamma e una volta valutato il suo potenziale riutilizzo viene conservato. Che meraviglia scoprire che vivere in maniera più sostenibile non è solo utile al nostro pianeta malato ma anche divertente e stimolante!   

ECO-FRIENDLY … GLI INGLESI CI HANNO AZZECCATO! SOSTENIBILE NON E’ IL TERMINE CHE PIU’ SI ADATTA ALLE ESIGENZE DEL MONDO DI OGGI

La parola sostenibile in inglese si traduce in eco-friendly… eh già! Direi che in inglese rende un pò meglio! Sarà che ho un debole per la lingua, sarà che odio le traduzioni che si sovrappongono forzatamente, sicuramente l’idea di instaurare un legame di amicizia con l’ambiente la prediligo alla versione italiana di rapporto uomo-ambiente sostenibile.

Adottare uno stile di vita sostenibile ed ecologico ma sopratutto essere amico dell’ambiente è una condizione decisamente molto più appagante dell’essere sostenibile o per meglio dire “sopportabile” dal nostro ecosistema.

Da che mondo è mondo un legame di amicizia si rivela sempre molto più virtuoso e generatore di un rapporto di mera sopportazione, che implica inevitabilmente una certa insoddisfazione e un buon grado di insuccesso da entrambe le parti. 

TROPPO SPESSO ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO NON CORRISPONDE A ECO-FRIENDLY PIUTTOSTO ALL’AGGETTIVO “BEARABLE” OVVERO A CIO’ CHE E’ SOPPORTABILE

Nelle mie varie ricerche sono andata a cercare quella che è la definizione di “sostenibile“. La sostenibilità può essere definita come un processo socio-ecologico caratterizzato da uno stato di cose che può essere mantenuto ad un certo livello indefinitamente. Tale processo può avvenire in ambito sociale, economico o ambientale. Sostenibile dunque, è quel processo di cambiamento nel quale lo sfruttamento delle risorse, il piano degli investimenti, l’orientamento dello sviluppo tecnologico sono tutti in sintonia e valorizzano il potenziale al fine di far fronte ai bisogni e alle aspirazioni dell’uomo.

Ecco… questa è la definizione di ciò che è sostenibile

Non so a voi, ma a me, in tutta sincerità questa concezione di stile di vita sostenibile non piace. Anzi… mi angoscia parecchio poiché mi sembra sempre intesa “a senso unico” e non nell’ottica dello scambio equo e fertile.

Al nostro pianeta serve un essere umano più consapevole, meno egoista, che possa prendere coscienza che il cambiamento e la svolta possono avere luogo a partire innanzitutto dalle nostre quattro mura di casa. Adottare uno stile di vita sostenibile ed ecologico sembra essere davvero possibile.

QUANDO LA NECESSITA’ DI ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO AGUZZA L’INGEGNO E A SUA VOLTA L’INGEGNO INCONTRA UNO STILE DI VITA PIU’ SOSTENIBILE

Durante le nostre giornate, rese più lente dalla reclusione da Covid-19 abbiamo avuto la possibilità di guardarci intorno e anche per lungo tempo. 

La difficoltà a reperire alcuni alimenti, ma sopratutto alcuni oggetti di uso comune ci hanno costretto a riattivare il cervello e a guardare ogni cosa con occhi diversi, nuovi, rinnovati. Abbiamo incontrato la necessità di riutilizzare e riciclare dando una nuova vita a ciò che di più semplice avevamo in casa accorgendoci che ad esempio, quegli ingredienti che prima utilizzavamo a senso unico ora potevamo utilizzarli per scopi del tutto nuovi.

Perfino la nostra spesa al supermercato ora è più oculata, si è fatta più mirata, più efficace! Un prodotto deve essere utile a più scopi deve innanzitutto essere sostenibile.Una nuova consapevolezza si è fatta strada nelle nostre vite intaccando e perché no, a tratti migliorando alcuni aspetti.

E’ proprio vero quello che mi ha sempre detto la mia nonna: “la necessità aiuta l’ingegno” e nel nostro caso l’ingegno incontra inevitabilmente uno stile di vita più sostenibile.

UNA CASA PIU’ SOSTENIBILE … YES WE CAN!

ECCO UN PAIO DI SUGGERIMENTI CHE PARTONO DALLE NOSTRE ABITUDINI PIU’ SEMPLICI E VANNO NELLA DIREZIONE DI ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO

VADO A FARE LA SPESA…

Bene! Prima cosa… PORTO LE BORSE DA CASA!

SHOPPER PER UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO

Rigorosamente 100% cotone, così da non utilizzare quelle sponsorizzate dal supermercato di fiducia che sono in plastica o in quel materiale biodegradabile che si, sarà sicuramente ecologico e a basso impatto ambientale ma si distrugge semplicemente sollevando la borsa dal carrello. 

Il vantaggio di utilizzare una shopper in cotone e cucita artigianalmente, è sicuramente notevole: si tratta di borse sicuramente molto resistenti, igieniche poiché lavabili e riutilizzabili all’infinito. Se avete anche la fortuna di saper cucire le potete creare secondo i vostri gusti e necessità oppure aggiustare nel caso in cui il sovraccarico le danneggi.

Ma ora che sono pienamente soddisfatta della mia scelta, cosa me ne faccio delle vecchie borse in plastica? Ho pensato di riutilizzarle per conservare vecchi libri da riporre in soffitta.

Super sostenibile NO?

RIORDINO LA MIA SPESA SOSTENIBILE

Conservare i cibi in sacchetti o barattoli di vetro è una scelta decisamente sostenibile, o come mi piace di più eco-friendly che ci permette di eliminare dalla nostre case rotoli di pellicola trasparente o di alluminio.

Ecco come faccio io il riordino della spesa sostenibile: nel caso in cui mi ritrovi a stoccare carne o cibi morbidi i quali possono perdere liquidi e sporcare facilmente, decido di avvolgerli in fogli di carta forno biodegradabile e successivamente infilo il mio pacchettino in sacchetti di cotone preventivamente etichettati.

Chi di voi, come me è in grado di cucire può creare in autonomia questi sacchetti scegliendo il tessuto che preferisce ( possibilmente non colorato per evidenti motivi di contaminazione dei cibi), decorando ogni sacchetto con un ricamo. 

SACCHETTI PER ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO

Infine ripongo tutto in congelatore. La soluzione si rivela perfettamente funzionale questi pacchettini, accanto a vasetti in vetro contenenti soffritto, cipolla o magari prezzemolo fanno in modo da creare nel freezer una meravigliosa organizzazione! I cibi meno “sporchevoli” come ad esempio pane, verdura o frutta potranno eventualmente essere riposti in un comodo e super sostenibile sacchetto di cotone.

SCELGO STRUMENTI ADEGUATI PER UNA PULIZIA SOSTENIBILE ED ECOLOGICA

In primis mi sono documentata e informata al fine di poter trovare anche in questo caso il giusto compromesso che mi permettesse di avere un prodotto eco- sosteniblie ma che riuscisse comunque a darmi quella pulizia che da sempre esigo per la mia casa!

SPUGNE PER ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO

Ecco come ho fatto io! Innanzitutto ho eliminato dalla cucina i panni in microfibra realizzati con materiale sintetico sostituendoli con panni e spugnette in cotone e canapa per lavare piatti e pentole. Per il resto della casa utilizzo panni multiuso, prediligendo sempre materiale eco-sostenibile o eventualmente di riciclo. Anche in questo ambito la parola d’ordine deve essere lavabile e sostenibile

LA GRANDE RIVOLUZIONE: IL DETERSIVO E IL SAPONE FAI DA ME!

Ho letto davvero l’impossibile e sperimentato diversi metodi suggeriti fino ad arrivare a quello che più si avvicinava alla mia idea di prodotto perfetto per le pulizie.

Come prima cosa ho pensato alla lavatrice. Ho comprato su Amazon il PERCARBONATO che è un detergente ecologico con potere sbiancante e igienizzante. Attente a non confondervi con il Perborato che è una sostanza molto meno sostenibile ed ecologica!

Quando lavo il bianco metto semplicemente un cucchiaio di percarbonato direttamente nel cestello con il detersivo ecologico. Il suo potere sbiancante funzionerà già a 40° gradi.

Inoltre per ridurre al minimo l’uso del detersivo, grattuggio del semplice sapone da bucato anche questo realizzato da me seguendo la ricetta di Benedetta Rossi.

RICETTE PER UNA PULIZIA SOSTENIBILE ED ECOLOGICA

L’esperienza della quarantena e del lockdown mi ha permesso di approdare a nuove competenzecome produrre in casa dell’anticalcare e dell’ammorbidente assolutamente sostenibile ma sopratutto eco-friendly! Ho acquistato l’ACIDO CITRICO ed ecco le dosi e i consigli di utilizzo per realizzare più prodotti utili alla pulizia della casa:

Ammorbidente per tessuti – 200 g ogni litro d’acqua (2,5 l con 500 g). Versa 100 ml della soluzione nella vaschetta della lavatrice.

Anticalcare – 150 g ogni litro d’acqua (3,5 litri con 500 g). Applica la soluzione direttamente sulla superficie con uno spruzzino e lascia agire per qualche minuto. Quindi risciacqua. Non utilizzarlo su marmo, pietra, legno, cotto e tutte le superfici sulle quali è sconsigliato utilizzare sostanze acide.

Disincrostante (per lavatrice e lavastoviglie) – 200 g ogni litro d’acqua (2,5 l per 500 g). Una volta al mese, per la manutenzione dei due elettrodomestici, versa un litro di soluzione direttamente nel cestello e avvia un programma ad alta temperatura.

Brillantante per lavastoviglie – 150 g ogni litro d’acqua (3,5 l con 500 g). Riempi la vaschetta del brillantante e regola l’indicatore al massimo.

ECCO I RISULTATI

Dopo aver sperimentato queste “ricette” mi sono però accorta di una piccola pecca, l’ammorbidente non regalava quel buonissimo profumo di bucato che ho sempre amato quindi ho deciso di aggiungere qualche goccia di olio essenziale al composto ed il risultato è stato davvero soddisfacente! Tenete presente che sia il percarbonato che l’acido citrico possono essere utilizzati per tanti altri usi, sia per la casa che per l’igiene personale.

IL BICARBONATO, UN INGREDIENTE INDISPENSABILE NELLA NOSTRA NUOVA CASA SOSTENIBILE ED ECOLOGICA

Un altro elemento davvero importante nel mio armadietto dei prodotti della pulizia è il BICARBONATO, un solo cucchiaio mescolato insieme al detersivo liquido è perfetto per eliminare gli odori e il calcare. Il bicarbonato è davvero versatile, può anche essere usato come deodorante e vi assicuro che funziona.

Ecco come faccio io! Dopo essermi fatta la doccia mi assicuro di essermi asciugata perfettamente, successivamente prendo un pizzico di bicarbonato e lo spalmo delicatamente su tutta la superficie ascellare. Attenzione a non grattare, si tratta pur sempre di polvere e un effetto scrub su una zona così delicata non è mai piacevole! Essendo un sale naturale può essere utilizzato anche per lavare gli indumenti dei neonati e grazie al suo potere igienizzante evita allergie o dermatiti.

ECCO COSA HO PENSATO PER RAGGIUNGERE LO SCOPO DI ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO ANCHE NELLA MIA IGIENE PERSONALE

Tornando al discorso “adottare uno stile di vita sostenibile ed ecologico” e agganciandomi all’ambito dell’igiene personale devo ammettere di essere fissata anche in questo frangente! Oltre alla doccia quotidiana, durante la giornata mi capita spesso di “lavarmi a pezzi” e la mia pelle non sempre reagisce molto bene alla continua detersione! Di conseguenza ho deciso di affidarmi a saponi e bagni schiuma totalmente naturali e vegetali ma sopratutto non testati sugli animali. Per la doccia inoltre, utilizzo i guanti da bagno in spugna di cotone anche questi completamente hand-made. Una volta al mese mi concedo anche una coccola per la mia pelle, una doccia più lunga, una di quelle rilassanti durante la quale utilizzo una manopola esfoliante di canapa e il sapone alla menta che aiuta la circolazione e ridona elasticità alle gambe stanche.

IDEE PER UN MAKE UP SOSTENIBILE

Per togliermi il trucco ho abolito i classici dischetti usa e getta e li ho sostituiti con i dischetti in cotone, davvero morbidi ma sopratutto lavabili in lavatrice e riutilizzabili.

DISCHETTI STRUCCANTI PER ADOTTARE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE ED ECOLOGICO

Quando, invece decido che è il momento di una maschera e mi ritrovo a girare per casa con la faccia ricoperta da qualche intruglio colorato assomigliando sempre di più al mostro della palude, utilizzo le salviettine con la morbida flanella per toglierla una volta passato il tempo di posa. I dischetti così come le salviettine struccanti possono essere tranquillamente utilizzate per la pulizia del neonato perché igieniche e super soft!

Insomma adottare uno stile di vita sostenibile ed ecologico non è poi così impossibile! N è necessario stravolgere i propri equilibri o le proprie abitudini, è sufficiente partire da piccoli gesti scegliendo i giusti ingredienti e i giusti strumenti ognuno di noi può essere più green!