Sicurezza giocattoli : come scegliere il meglio per i nostri bimbi

Sicurezza giocattoli : come scegliere il meglio per i nostri bimbi

Avrete notato che il nostro sito si arricchisce costantemente di nuovi personaggi, nuovi articoli che possono essere considerati dei veri e propri giocattoli.

I giocattoli che vi proponiamo sono assolutamente, sempre, corredati da Dichiarazione di conformità.

Perchè?

Perché i vostri bimbi quando utilizzano un nostro prodotto, devono essere sempre al sicuro, anche mentre giocano

Uno degli argomenti che ha sempre interessato e ingaggiato consumatori, istituzioni e società civile è quello relativo alla sicurezza dei giocattoli.

Argomento che ha sempre destato molte preoccupazioni.

Sicurezza giocattoli: Vediamo cosa dice la normativa

La prima Direttiva a livello Europeo, la 88/378/CEE, ha dato il via a una prima regolamentazione del settore. Questa prima esperienza ha fatto sì che fosse giunto il momento di  aggiornare e integrare i requisiti di sicurezza in particolare per aspetti quali:

  • rumore
  • sostanze chimiche presenti
  • pericolo di soffocamento

Questa maggiore consapevolezza derivava dal fatto che il mercato era cambiato ed era molto diverso rispetto a quello del 1988, per cui dovesse essere rivista la coerenza della Direttiva stessa.

Da questa considerazione è nata la nuova Direttiva 2009/48/CE e conformemente alla sua iniziativa ― legiferare meglio- , la Commissione si è impegnata a semplificare il quadro normativo e ad accrescerne la qualità e l’efficienza.

Sicurezza Giocattoli in Italia

Direttiva che ha avuto la sua attuazione in Italia con il Decreto Legislativo 54 dell’11 Aprile 2011.

Up & Up
giocattolo bambino

Entrata in vigore il 20 luglio del 2009, La Direttiva  riscrive il concetto di giocattolo definendolo “un prodotto progettato o destinato, in modo esclusivo o meno, a essere utilizzato per fini di gioco nella fascia di età tra 0 e 14 anni”. Quindi al di là della definizione di giocattolo, questa Normativa ha armonizzato la sicurezza nel campo dei giocattoli a livello europeo.

I giocattoli sicuri pertanto sono quelli che portano il contrassegno di conformità CE. Questo significa che i giocattoli ammessi sul mercato europeo devono essere conformi alla normativa a protezione di tutti gli interessi: la salute, l’ambiente e, ovviamente, i piccoli consumatori.

Come dicevamo, l’armonizzazione a livello europeo ha riguardato soprattutto gli aspetti relativi al rumore, alla presenza di sostanze chimiche e al rischio soffocamento.

Sicurezza giocattoli: attenti alle sostanze

La Direttiva, nella fabbricazione dei giocattoli, bandisce alcune sostanze classificate come cancerogene o tossiche , con alcune deroghe per specifiche fragranze . Inoltre, deve essere scongiurato il rischio di asfissia. Per questo non possono essere venduti giocattoli le cui dimensioni possono bloccare le vie aeree interne. Anche il packaging che contiene il giocattolo deve seguire la stessa normativa se risulta potenzialmente causa di soffocamento. Per quanto riguarda il rumore, riguarda soprattutto i giochi sonori, assicurandosi che il rumore non sia così elevato da danneggiare l’udito dei bambini.

Ma ora vediamo quali sono i passaggi chiave di questa legge e cosa deve fare il fabbricante/artigiano

Up & Up
set nascita ideale per baby shower
  • per prima cosa dobbiamo verificare se i prodotti che vendiamo sono realmente giocattoli o meno. Per esempio vi sono degli ibridi e le clip per ciuccio, per restare ad un nostro prodotto, non rientrano in questa tipologia, ma avranno un’altra normativa di riferimento.
  • Se stabiliamo che è un giocattolo deve seguire la Normativa e ottenere la  marcatura CE
  • Si individuano e analizzano i rischi connessi con il prodotto e il suo utilizzo
  • Si eseguono le prove richieste dalle norme stesse.

Dopo questi controlli, i prodotti possono avere il Certificato di Conformità e vengono marcati CE

Marcatura Ce

In questo caso, la marcatura CE  che si appone sul prodotto, unitamente ad una dichiarazione di conformità accompagnatoria, offre la ragionevole certezza che un prodotto è adeguato al livello minimo di sicurezza; alla salubrità e rispetto ambientale in relazione all’utilizzo previsto.

Va ribadito che i requisiti minimi che i prodotti devono avere non sono definiti dal fabbricante, ma dalla legge stessa e/o dalle norme armonizzate in essa richiamate.

Il fabbricante in questo caso  attesta, sotto la sua responsabilità, il rispetto di tali requisiti avendo attuato strumenti di verifica, controllo e fabbricazione adeguati. 

Pertanto il prodotto immesso sul mercato con questa procedura è definito con presunzione di conformità, ossia si presume che il produttore/fabbricante/realizzatore che appone la marcatura CE abbia attuato tutte le misure necessarie a garantire che il giocattolo  sia sicuro per l’utilizzatore finale.