Up and Up Creative Family Lab

AGO E FILO PER CREARE MAGIA.

AGO E FILO PER CREARE MAGIA.

GIOCHI FATTI A MANO NELL’ERA DEL METAVERSO

I giochi fatti a mano sono uno dei ricordi più belli della mia infanzia: archi e frecce ricavati da bastoni, bambole di pezza dagli occhi a bottoni, palloncini riempiti di farina, telefoni creati da filo e bicchiere…Che meraviglia! Che magia! 

Pochi giorni fa ho avuto uno scontro con i miei figli a proposito di come gestissero il loro tempo libero. Non so voi … ma a me capita spessissimo di ritrovarmi nel mezzo di liti feroci che come oggetto hanno la scelta del videogioco o del personaggio. A volte capita che tra cinquanta “avatar” a disposizione entrambi i miei figli scelgano lo stesso e … “apriti cielo!”. Inizia la guerra! Voi direte ” beh, ma i bambini litigano per i giochi da sempre! Siano essi video games o giochi di gruppo. VERO! Ho sempre pensato che il litigio per quei … chiamiamoli “giochi fatti a mano“mettesse in moto la creatività

I GIOCHI FATTI A MANO DELLA MIA INFANZIA

Cerco di spiegarmi meglio… Io e mia sorella abbiamo trascorso gran parte della nostra infanzia trascorrendo le vacanze estive in montagna con la nonna. Giocavamo sempre fuori e quando non ci schiantavamo con la bicicletta giocavamo ad impersonificare le super eroine del momento ( io ero Buffy l’ammazza vampiri!).

I nostri giochi fatti a mano erano quindi balestre, spade, archi e frecce. Quando non si piangeva perché ci si prendeva a mazzate troppo sul serio… ci si ingegnava a costruire l’arma più letale della storia, un’arma cosi potente da poterci permettere di salvare il mondo dai cattivi! Mia sorella è sempre stata molto più brava di me a creare oggetti e ha sempre avuto una manualità fuori dal comune. Quindi lei aveva armi fighissime e io pensi di legno che alla prima battaglia cadevano a pezzi. Quanto mi irritasse questa cosa solo io posso saperlo! A volte cercavo di rubarle le idee, a volte le fregavo proprio quelle meravigliose armi che si costruiva!

I GIOCHI FATTI A MANO NELL’ERA DEL METAVERSO

Al momento i miei figli hanno rispettivamente nove e sei anni e non li ho mai visti costruirsi un arco, una freccia, una spada o un telefono di corda e bicchieri. Mi rendo conto che a loro manca un pezzo gigante di quell’esperienza tattile, olfattiva (il legno umido ha un odore inconfondibile!), e manuale gigante! La loro immaginazione non contempla la creazione di giochi fatti a mano. Che peccato!

La frenesia delle giornate scandite minuto per minuto dal susseguirsi di attività non consente loro mai di annoiarsi. Non consente loro di trovare un contenuto ad un tempo vuoto. O meglio…il contenuto del tempo libero dei figli del Metaverso è proprio il Metaverso stesso. Non nel senso letterale del temine, poiché tuttora il Metaverso esiste solo in forme limitate e non accessibili a tutti, bensì in senso figurato, ovvero attraverso il rifugio in realtà virtuali, in videogame online in cui ritrovarsi con amici o sconosciuti a fare quei giochi che io e mia sorella facevamo ma fuori casa, dal vivo con persone in carne ed ossa.

Oggi non siamo più noi i creatori di mondi. Un pò alla “Ready Player One” mondi virtuali ci vengono offerti preconfezionati e pronti all’uso escludendo qualsiasi tipo di possibilità di stimolare e far vibrare una creatività che è insita in ogni bambino. Sembrerebbe che i giochi fatti a mano siano davvero finiti nel dimenticatoio.

I GIOCHI FATTI A MANO SONO VIVI ECCOME !

Ammetto che all’inizio ho dovuto battagliare non poco con quei testoni dei miei figli per convincerli a riporre i loro joypad e seguirmi al tavolo. In uno degli ultimi pomeriggi uggiosi ho deciso di iniziare a proporre ai miei ragazzi alcuni giochi fatti a mano… giochi che avremmo creato a mano insieme e con cui alla fine ci avremmo giocato. Lo confesso… ho fatto ricorso ai super poteri di mia sorella! La mia creatività e la mia manualità non ha mia fatto passi da gigante. Progettare giochi fatti a mano facili e veloci da realizzare non rientrava tra le mie skills di insegnante di inglese.

Nel giro di pochi minuti mia sorella mi ha inoltrato i tutorial di quei giochi fatti a mano che propone nei suoi corsi online e da li il pomeriggio creativo con i ragazzi è decollato! Una volta recuperato il materiale (tutti materiali di recupero e oggetti che avevo già in casa), accesa la musica per lavorare e cantare contemporaneamente siamo partiti.

IL TRIS, UNO DEI NOSTRI PRIMI GIOCHI FATTI A MANO

Non essendo io un drago in manualità ho deciso di scegliere il progetto che mi sembrava più semplice da realizzare nel giro di poco tempo. Tra le varie alternative di giochi fatti a mano offerti da mia sorella ho scelto il TRIS. Si, il tris, il gioco che vuole allineati tre cerchi o tre x.

Ecco l’occorrente: 2 rettangoli di stoffa dalla misura di 16×38 cm, 1 nastro, Bottoni.

Come potete notare si tratta di pochi e semplici oggetti che però permettono di creare giochi fatti a mano in un’atmosfera familiare divertente. Per il procedimento di creazione e montaggio e ecco il link al tutorial.

Non solo tutorial standard su YouTube ma veri e propri corsi online creati su misura a seconda delle esigenze di noi mamme.